I luoghi più inquinati del pianeta

Già da decenni fanno sentire i loro nefasti effetti sul pianeta industrializzazione, eccessivo sfruttamento di suolo e sottosuolo e sovrappopolamento mondiale. Emissioni, scarichi illegali e accumuli di rifiuti sono ormai un problema globale, che non riguarda più soltanto metropoli e grandi potenze. A subire maggiormente gli effetti dell’inquinamento sono anzi i paesi più arretrati del Terzo Mondo, dove l’estrema povertà è aggravata da condizioni ambientali disastrose che mettono in serio pericolo la salute della popolazione.

In effetti, livelli di inquinamento preoccupanti si registrano proprio nel continente africano, dove lo sfruttamento di giacimenti minerari ha compromesso seriamente la qualità – già molto bassa – della vita, con un alto tasso di malattie legate a rifiuti tossici.

La città di Accra, in Ghana, ospita la più grande discarica di rifiuti elettronici del mondo: per estrarre i metalli ed eliminare la plastica, i pezzi vengono bruciati, liberando gas nocivi e provocando così avvelenamento da metalli pesanti.

A Lagos, in Nigeria, l’incremento demografico degli ultimi anni ha provocato un’espansione incontrollata delle baraccopoli, che ha portato ad una crescita esponenziale non solo della criminalità ma soprattutto dei rifiuti, gestiti senza un adeguato sistema fognario e di smaltimento.

A Kabwe, in Zambia, decenni di estrazione mineraria e lavorazione del piombo hanno portato la concentrazione di metalli nel sangue al 60%, ben oltre la soglia considerata fatale; chiudere le miniere si è rivelata una mossa controproducente, che ha anzi favorito la lavorazione artigianale dei metalli con conseguenze ancora più gravi.

L’area del delta del fiume Niger è il maggiore centro di lavorazione industriale del petrolio di tutta la Nigeria, con due milioni di barili estratti ogni giorno: gli incidenti legati a perdite di petrolio, uniti ad atti di pirateria, hanno contaminato ogni livello dell’ambiente, danneggiando le coltivazioni e aumentando in modo esponenziale i decessi per cancro.

Tasso di popolazione e inquinamento atmosferico, inoltre, vanno spesso di pari passo. È la Cina il paese con la più alta concentrazione di smog nell’aria, seguita da Stati Uniti, Russia, India e Messico. Il primato di città più inquinata spetta a Pechino, immersa in una vera e propria nuvola di polveri sottili che crea un pericoloso effetto serra evidente ad occhio nudo: l’azzurro del cielo è nascosto quasi completamente da una perenne foschia marrone, visibile persino dallo spazio.

E oltre agli industrializzati USA, non se la passa bene nemmeno il Perù, dove altitudine e montagne non sono affatto sinonimo di aria pulita. La Rinconada, a ben 5200 metri sul livello del mare, è la città più in alto del mondo: l’aria, già rarefatta, è resa irrespirabile dall’odore di metallo e mercurio proveniente dalle miniere locali. I suoi 40.000 abitanti sopravvivono solo grazie al lavoro nei giacimenti d’oro scoperti di recente; la mancanza di acqua corrente e di un sistema di smaltimento, insieme a condizioni di lavoro disumane, provocano un’altissima frequenza di malattie respiratorie.

Tra i luoghi più inquinati c’è indubbiamente il fiume Citarum, in Indonesia: fogna e discarica illegale di rifiuti e liquami industriali, viene tuttavia utilizzato come risorsa idrica nel paese, trasformandosi così in un pericoloso ricettacolo di malattie.

Ma l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo non ha conseguenze unicamente a livello sanitario. Effetto serra e surriscaldamento globale hanno come ulteriore effetto l’aumento dei fenomeni atmosferici: valanghe, frane e soprattutto uragani, sempre più frequenti e violenti e ormai non più esclusiva prerogativa dei paesi tropicali.

L’inquinamento si è ormai esteso persino oltre l’atmosfera del nostro pianeta: è proprio l’orbita terrestre uno dei luoghi più inquinati, con una nube composta da 1800 tonnellate di detriti – resti di stazioni spaziali, satelliti e razzi – che galleggia pericolosamente intorno al globo, a dimostrazione della tendenza dell’uomo a devastare tutto lo spazio che lo circonda. Persino quello cosmico.

Se non saranno presi in fretta adeguati provvedimenti per invertire la rotta, tutto il pianeta è destinato a trasformarsi in un’immensa, eterna discarica nell’universo.

Silvia Giovanniello

Silvia Giovanniello – Cosa Vostra

Immagini tratte da Google Immagini