Leonardo Vitale. Storia di un “pazzo” che disse la verità

Palermo 7 dicembre 1984. Leonardo Vitale muore dopo che due colpi di lupara lo hanno colpito qualche giorno prima, il 2 dicembre, sotto gli occhi della sorella e della madre all’uscita di una Chiesa. Sono...

Vajont 9 Ottobre 1963. Una storia

Asfalto, una nuova città, macchine parcheggiate, qualche bar, case e poi si vede la Piave profanata. Il fiume sacro alla Patria simile ad un ammasso di ghiaia e l'acqua che scorre qua e là. Poi...

Gli anarchici della Baracca. Una morte senza giustizia

Si disse che erano ubriachi e correvano troppo, in quella notte senza stelle, su un’autostrada all’altezza di Ferentino, quei cinque anarchici del Sud. Si disse che erano diretti a Roma per sbrigare i loro...

Funky Tomato. Arte e cultura, la rivoluzione del pomodoro

Funky Tomato è una realtà virtuosa che abbraccia sotto le sue ali accoglienti persone di ogni provenienza e professione: tutte accomunate dal bisogno di lottare contro lo sfruttamento del lavoro, vigente nella filiera di...

Bologna, 2 agosto 1980. Una strage di Stato

Bologna è colta di sorpresa dal più grave attentato terroristico italiano in un’afosa mattina di agosto, una mattina come tante: nella sala d’aspetto della stazione ferroviaria, il 2 agosto 1980, sono radunate centinaia di...

“Non sarà la mafia a uccidermi”. Da Paolo e Agnese a Fiammetta Borsellino

A ventisette anni dalla Strage di via d’Amelio, Fiammetta Borsellino combatte per una verità che appare ancora troppo lontana. Da quella torrida estate ne sono già trascorse 27. Il 19 luglio 1992 un’esplosione fragorosa in...

Paolo Borsellino e il diciannove luglio millenovecentonovantadue

Era il diciannove luglio millenovecentonovantadue. "Ci fu u buottu, u sentisti?". C'era stato quel boato sordo a Palermo centro che aveva come fermato tutto per un attimo. "Ammazzarunu un cristianu". Erano le prime parole che, poi,...

Giovanna Curcio. Morire a quindici anni per un euro e cinquanta l’ora

Il mio nome, Giovanna, l'aveva scelto papà nel 1991. Mi sono sempre chiesta perché quando una persona muore tragicamente, si ricordano soltanto i dettagli più tristi. Come la data di morte. Io invece voglio ricordare...

L’amore ai tempi della mafia. Giovanni Falcone e Francesca Morvillo

"Giovanni, amore mio, sei la cosa più bella della mia vita. Sarai sempre dentro di me così come io spero di rimanere viva nel tuo cuore. Francesca". Commemorare Giovanni Falcone partendo da un messaggio....

Il padrino dell’antimafia. Antonello Montante e la borghesia mafiosa

Può un uomo che era "nel cuore" di un capo mafia, diventare un simbolo dell'antimafia? Può, a quanto pare; è il caso di Calogero Antonio, in arte "Antonello", Montante. Partiamo sempre da una domanda fondamentale...

Articoli recenti

Cristina Pavesi. Vittima di una mafia dimenticata troppo in fretta

Correva il treno su cui viaggiava Cristina Pavesi, ragazza di Treviso, ventidue anni, studentessa universitaria. Correva l'anno 1990, era il 13 dicembre di tanti...