La Giornata Mondiale della Biodiversità e l'Italia
La biodiversità biologica è il serbatoio che ci difende dalle epidemie e da cui attingiamo tutto il nostro sostentamento.

Il 22 maggio del 1992 a Rio de Janeiro fu presentata per la firma  la Convezione sulla Biodiversità, poi ratificata...

Leggi tutto...
The Capaci killing. Italy remembers Giovanni Falcone
On 23rd May 1992 Giovanni Falcone was on board his car, home-bound. Two other Fiat Cromas were escorting him: one driving in front, one following. 1000 kilograms of TNT remotely detonated from the hills around Capaci killed the prosecutor and, with him, that part of Italy that still believed in justice.

Twenty five years ago on this day, the little glimmers of hope that had feebly penetrated the dark veil in which...

Leggi tutto...
L'amore ai tempi della mafia. Giovanni Falcone e Francesca Morvillo
Il 1992 è l'annus horribilis dell'Italia. Chi è nato allora, spesso se lo è sentito dire e, poi, crescendo, ha capito il perché. La generazione precedente, quella degli anni Ottanta, quella a cui appartiene chi scrive, ha fatto in tempo a nascere quando Giovanni Falcone era ancora vivo...

"Giovanni, amore mio, sei la cosa più bella della mia vita. Sarai sempre dentro di me così come io spero di rimanere...

Leggi tutto...
The case of the Southern Gas Corridor – pipelines, shareholders and dictators
The realization of the maxi infrastructure - which will allegedly reduce Europe's dependence on Russia's Gazprom energy supply from 2020 - requires both the enhancement of existing pipelines, such as the South Caucasus Pipeline (SCP) that connects Azerbaijan to the Turkish border, and the development of two new pipelines: the Trans Anatolian Pipeline, or TANAP and the Trans Adriatic Pipeline, or TAP, that will run from Turkey to Italy.

Are countries opting and investing in renewables? A few of them. Are oil and gas obsolete? Not yet. To the...

Leggi tutto...
Uomini soli nel Paese in cui si è credibili quando si viene ammazzati
La colpa di Giovanni Falcone – e di alcuni suoi colleghi – era quella di essere vivi, o meglio sopravvissuti. Il giudice aveva molti nemici e quelli più pericolosi non erano i mafiosi, ma stavano all'interno delle istituzioni e anche nella cosiddetta società civile...

Il 12 gennaio 1992 durante la trasmissione Babele condotta da Corrado Augias, una donna del pubblico chiede...

Leggi tutto...

made with love from Joomla.it
nomafia